PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cammino inquieto

Non afferro la musica
Del tuo cammino

Gli acciotolati sono soggiorni
Che non ascolto

Non mi rendono le soleggiate
Dei tuoi canti

Come un ombra
accorta e clandestina
Si dileguano
alla volta del suburbio

Ma ciò che è assente e
Ciò che pronuncia
L'inrrisorio di quel foglio

La dove il suo canto, il cognome
Il suo viale il suo cammino inquieto
La sua sembianza rimestata
Con frasi di sole e sogno
Se ancora esisti dove non ti inseguo ogn'ora

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/01/2014 06:58
    L'assenza di chi si è amato si fa angoscia...
  • Caterina Russotti il 10/01/2014 06:28
    La mancanza di colui che si è amato rende il cammino inquieto. bella Giulia

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0