accedi   |   crea nuovo account

Polvere evanescente

Se è sonetto
Fatto di melodia
É profumo di rosetta
É spiga sapida

Un campo verde distante
Una distesa di vita

Ode del tavoliere, carme del fermeto
in un tempo fatto cerchio



Una linea deserta su una cordicella
Di capogiri

Dove lo spirito
Anticipa il sogno proprio
Si traghetta in fragore di flutti

Setaccia l'inquietudine sparsa
E distesa nelle coste del tempo
Di vita che cammina

E l'inatteso sul desco nel camminamento infarinato
Spalanca fondali di dedali originari

Leva dal centro e oltre il fiato della sera
Le diverse stagioni in diverse giornate
Abbigliando i miei passi
Per ogni via di destinazione
Poi solo polvere evanescente

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 10/01/2014 14:24
    Il tempo che muta, le stagioni che passano e così la vita... Un momento un prato verde e poi solo polvere evanescente.. Stupende metafore di riflessione.
  • Rocco Michele LETTINI il 10/01/2014 14:10
    Non lasci un titolo mai casualmente... sempre un'aurea corona per l'intiero corredo... IL MIO ELOGIO

1 commenti:

  • Giulia Aurora il 08/03/2014 02:38
    molto bella frasi che si susseguono ad incalzare in una chiusa bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0