PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sono Tuo

- C'eri
anche Tu
lacrima di violino
quando le nostre corde vocali
baciarono l'onda
suscitata
dal cader dei nostri corpi

dall'infinito del cielo al canto del mare

Si
sei un meteorite

una scia di luce
che gli uomini scambiano per una stella cadente
esprimendo un desiderio di eterno Amore -

Anche
se nessuno appartiene a nessuno
è bello poter dire

Sono Tua
Sono Tuo

scarica
ricaricando

da ogni tensione di solitudine

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

in Realtà... anche se per me la parola re-alta è molto indefinibile... apparteniamo solo alla morte... e l'Amore sta lottando con tutte le sue forze per liberarci da questo giogo..


8
6 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 14/01/2014 12:12
    Bella... come tutte le cose che scrivi!
    L'amore vince la morte e passa le vite...
  • Anonimo il 11/01/2014 19:01
    Quel senso d'appartenenza che s'avvinghia come possessione è forte e l'Autore lo risalta in ogni verso. L'amore del cuore s'inginocchia all'altare del corpo quale luogo sul quale marchiare con qualsiasi segno ogni possibile richiamo all'amata. Stupenda Vincenzo!
  • Anonimo il 11/01/2014 17:59
    La mia voleva essere una recensione!
  • Caterina Russotti il 11/01/2014 12:42
    Quanta verità in questi tuoi bellissimi versi.. È bello poter dire sono tua.. Sono tuo...
    Per poter condividere assieme attimi di Vita.
  • Anonimo il 11/01/2014 09:55
    Un canto che inneggia all'appartenenza sia in vita sia in morte.
    Molto soggettiva ma universale, caro Vincenzo.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/01/2014 09:23
    Una poesia che strabilia... il meglio dal tuo scrigno poetico Vincè... IL MIO ELOGIO E IL MIO PLAUSO
  • salvatore maurici il 11/01/2014 07:50
    L'Amore sofferto soffiato soffuso sussurrato... e ancora urlato declamato e pianto, vortice turbinoso delle nostre emozioni più vere; infinito amore. Vincenzo con grazia e stile ha aggiunto il suo granellino nella montagna della Poesia.
  • Anonimo il 11/01/2014 07:34
    Quando mi sento sola, mi affido a Chi è già sempre con me... E la solitudine scompare, la fiducia in me cresce...

6 commenti:

  • Anonimo il 11/01/2014 17:53
    Sono tuo, nel senso di appartenere all'Amore. Ma all'amore, secondo me, inteso come Dio. La realtà umana, per me, non fa differenza tra vita e morte, perché tutto fa parte della vita e della stessa realtà, dominata dall'Amore e a cui bisogna tendere, per sentirsi realizzati.
    Ma questo è il mio pensiero che, nulla toglie, a questa splendida opera.
    Bravissimo Vincé!
  • Anonimo il 11/01/2014 17:44
    Anche
    se nessuno appartiene a nessuno
    è bello poter dire

    Sono Tua
    Sono Tuo

    Frasi che condivido Vincè!

    Stupenda!
  • lidia filippi il 11/01/2014 10:57
    Quanto è bello questo canto d'amore che va oltre la finitezza delle persone! Apprezzatissima
  • Anonimo il 11/01/2014 09:18
    il soffio d'amore... delicato e sentito... toccante lirica che arriva al cuore grande vincenzo
  • Anonimo il 11/01/2014 08:17
    Sei anche nostro, Vincenzo... con questa stupenda poesia sei il Nostro Poeta... una delle tue più belle... c'è grazia in questi versi, molto delicati ma potenti nelle immagini e nel significato... una poesia che è quasi una filosofia di vita, dell'Amore... sempre più bravo, prima o poi esploderai... ciaociao
  • Anonimo il 11/01/2014 07:36
    non voleva essere una recensione... ma solo un pensiero natomi dentro leggendoti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0