username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pensandoti nelle fredde sere d'inverno

il ricordo di te
che un tempo mi fosti caro
prezioso più di ogni tesoro
terribilmente mi assorbe

quando seduta davanti al camino
nelle fredde sere d'inverno
constato amaramente
di come simili al nostro amore

diverranno i tizzoni ardenti
che guizzano e appassionatamente
di rosso porpora colorano
le pareti della stanza.

Presto su di essi
come su di noi
cadrà un velo di cenere
divenendo grigi, si sfalderanno
al solo contatto.

Troppo presi
da futili egoismi
dimenticammo di aggiungere
altra legna al fuoco...

di ciò che fu passione e tenerezza
solo tizzoni inceneriti restano...

difficile ora pensare
al loro splendore
al calore irradiato
anche se nel lento consumarsi
integri hanno conservato, la forma, l'essenza,
il loro amore...

 

5
8 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Moment il 14/01/2014 16:16
    Dall'essere preziosi al perdersi è un soffio a volte... lo stesso che serve a riattizzare il fuoco... Bella poesia.
  • Anonimo il 13/01/2014 14:54
    Molto bella Loré. Certo che non ci si può scaldare a lungo coi tizzoni, specie se spenti!
  • Anonimo il 12/01/2014 17:08
    Amore, espresso in versi così eleganti e vibranti di passione... bellissima!!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 12/01/2014 13:56
    Fantastica ne l'accostamento di un affetto che finisce come un mucchio di legna accesa in cenere... calore che poteva continuare aggiungendo altra legna (sinonimo altro sincero amore)... LA MIA LODE LORY... SEI UNICA NEL POSTARE RIFLESSIONI DECANTATE CON ARDORE...
  • Caterina Russotti il 12/01/2014 12:08
    Meravigliosa, e bella la metafora del fuoco che va costantemente alimentato con la legna per farlo ardere continuamente. Bravissima
  • Vincenzo Capitanucci il 12/01/2014 11:57
    molto bella L'OR... metter legna... alimentare costantemente il fuoco... non dare niente per scontato.. non lasciar che questi tizzoni ardenti.. diventino cenere...

    un vademecum dell'Amore.. per non finire cenere nell'ade..
  • marcello moiso il 12/01/2014 11:35
    Belli ed eleganti i tuoi versi.

8 commenti:

  • bruna lanza il 17/01/2014 22:32
    fuoco, amore, e sì, van nutriti per non spegnersi mai, bei versi che raggiungono il cuore
  • Anonimo il 14/01/2014 15:36
    Riprendo la tua frase che mi piace molto e che la condivido:
    "Troppo presi
    da futili egoismi
    dimenticammo di aggiungere
    altra legna al fuoco..."

    Brava, mitica Lor!
  • Gianni Spadavecchia il 14/01/2014 15:02
    Tristissimi versi, ma l'ardore ancora c'è, mai scompare.
    Presto su di essi
    come su di noi
    cadrà un velo di cenere
    divenendo grigi, si sfalderanno
    al solo contatto.
    La parte che mi piace di più, bella!
  • Anonimo il 12/01/2014 16:56
    Splendida poesia sulla nostalgia di un amore che si è consumato come legna nel focolare e di cui resta solo la cenere.
  • Anonimo il 12/01/2014 16:38
    La poesia tua è pittorica e bella come sempre... ma, ogni volta che ti leggo, non faccio che pensare: se ci accaniamo nel ricordo di chi prima ci ha illuso, poi ci ha fatto tanto soffrire, non può accadere che ci passi accanto qualcuno che davvero ci ami, e nemmeno ce ne accorgiamo?... Vera
  • Anonimo il 12/01/2014 16:13
    Lei è bravissima a scrivere, la sua poesia mi ha colpito.
  • Chira il 12/01/2014 13:30
    Vero Loretta... se ci si accorge che il fuoco si sta spegnendo si mette altra legna e si soffia per far rivivere... se c'è indifferenza tutto diventa cenere. Sempre al top!
    Chiara
  • Anonimo il 12/01/2014 12:47
    un amore bello in una stupenda metafora... non lasciar mai spegnere il fuoco... brava poetessa tvb

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0