accedi   |   crea nuovo account

Vanità, solo vanità

Ianca e picciola,
appena appena
ne lu cielu
se videva,
nun era
che na nuvuletta,
eppure
ma ffracicatu
tuttu quantu,
pe' la mia vanità
de sentirmi chissà chi!
E mo zuppatu
commu songu,
me pigliu sulu nu malannu,
e chistu
l'ha ggià vulutu i,
che pur ommo e niente,
pe nu mumentu
songu statu u guappu
e o viculu o Purtusu.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/01/2014 22:09
    Stupenda ne la chiara sequela...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0