PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Odore di pane e di caffè

Ti cercherò tra mille volti
hai odore dolce di sentimento
ti incanterò con le parole nuove
il tuo cuore è aperto, aspetta solo il suo momento

ed io che son caduto sempre in piedi
centomila volte, poi resetto i pensieri
questo soffitto viola ascolta i miei sogni
li incatena al petto e poi li porta su

odore di pane e di caffè

questa notte solitaria e luminosa
non si pente non si scioglie non si sposa
con la scia disegna gli angoli del cielo
è la notte della vita... del mistero

ti implorerò nelle giornate buie
quando tutto è ormai perduto anche il rispetto e il saluto
tu mi dirai che non hai tempo per me
ci sono situazioni gravi, e poi tu... non sei un re

il tempo vola ha scadenza naturale
altrimenti chi lo accetta il giudizio universale
tra le pieghe della vita che mi hai regalato
resta un desiderio che non ho mai dimenticato

l'odore del pane e del caffè

che cosa vuoi che io sia
non sono preparato
a questi tuoi discorsi, fragili, imprudenti, senza significato...
lo vedi che il destino
è sempre un gioco aperto
ti accompagna in un giardino colorato poi ti lascia da solo,
quasi sempre disperato

e tu, che poi vendi la tua pace, che trattieni la tua voce
tu, che hai scordato la dolcezza di una semplice carezza
l'illusione d'esser nato in questo cielo sconfinato
fa paura se lo guardi a testa in su

Se sono nato, avrò un senso nel creato
non posso essere sogno, un oggetto inanimato
sono un granello in questo immenso luccichio
un chicco di riso scivolato dal piatto di Dio

avrò distanze d'accorciare con il cielo
scoprire l'universo, quello parallelo
le stelle sono ormai cosi vicine
Le incateno al petto e poi le porto giù

per tutti gli uomini di pace e di buona volontà

c'è odore di pane e di caffè
c'è odore di pane e di caffè

 

0
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 13/01/2014 18:01
    Uhmmmm... Buono il caffè che sale e profuma... il caffè che si deve gustare piano.. piano a sorsi... Per assaporarne la sua essenza... E il pane, un alimento "ricco" che nutre il nostro corpo... Che spezzandolo, si può condividere. Bisogna averne cura...
    A parte questo stupendi versi che sembrano una canzone ritmata che racconta una vita fatta d'amore e speranza.
  • stella luce il 13/01/2014 14:28
    bello leggerti... per una ragione siamo nati... versi che donano ottimismo per questa vita...
  • Rocco Michele LETTINI il 13/01/2014 10:01
    Fantastica nella sua diligente sequela...

4 commenti:

  • calla il 08/09/2014 14:26
    mi è piacita molto, bravo.
  • Dolce Sorriso il 24/01/2014 22:48
    bella questa tua... una poesia in note... molto apprezzata!!!
  • loretta margherita citarei il 13/01/2014 17:12
    piaciutissima complimenti
  • Anonimo il 13/01/2014 13:11
    Un Dio intensamente domestico... per ognuno di noi assetati d'Amore!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0