PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una roccia divenuta sabbia

'na roccia,
maestosa e fiera,
se ne stava
sola,
gocce d'acqua
una dopo l'altra,
a lo stesso punto
periodicamente
cadendo,
la rode oggi,
la roderà domani,
in due spaccandola,
e la scena
ripetendosi,
a la fine,
de la roccia,
non rimane
che la sabbia fine,
che oggi tutti
calpestiamo
al mare andando,
e ci accorgiam d'essa
solo quando
i nostri piedi
scottano assai.

 

0
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 14/01/2014 18:42
    Bellissima metafora che ci ricorda che bisogna accorgersi e prestare attenzione alle persone finché sono in vita e non quando stanno ma
    E o non ci sono più... No, poi è troppo tardi!
  • Anonimo il 14/01/2014 18:16
    una bella metafora...
  • Rocco Michele LETTINI il 14/01/2014 17:44
    Dietro la roccia metaforizzata c'è una vita che si sgretola fino a diventare nulla...

2 commenti:

  • bruna lanza il 18/01/2014 11:22
    Nulla è eterno... ma resta pur sempre traccia di noi... come granelli di sabbia.
  • Gianni Spadavecchia il 14/01/2014 14:59
    Bell'intervento questo tuo della roccia che diventa sabbia. Un'immagine che si può affiancare ad una giovane vita quando giunge alla sua fine.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0