PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Piccolo compendio di Filosofia Teoretica

-Chi
è
Sa -

chi-e-sa mia

avendo
preferito
all'avere
il rito
sacro
dell'ave re

il Dominus
al tirannico dominio
di un mini io

Essendo
Sono

Osservando
So

oh no
caro Valerio
come Tu insegni

-ad una Santa Signora che ignora di essere celestiale vita per quei pochi giorni che le sono stati concessi di avere un corpo oltre che pesante

pensante

Argomentando
con parche parole suonanti l'archetipo risveglio di naviganti arche verso un vello d'oro

c'è tanto oro lavato nel lavoro introspettivo quanto nella M-. or -te nel Sonno

e nel Sogno -

va l'ente ad abbeverarsi al divino rio

come un Seme-raro
trasportato da un fiume d'acqua in lingua su-mera ad un acca-dico alpino ghiacciaio

basta guardarlo
dividersi in quattro rami all'uscita del cinema Eden

o come due uomini che si danno una mano per conoscersi meglio

in una ottava infinita H

magari con una lente polita da Spinosa

in pieno Abbandono

-ennesimo dono del padre ad una monade assoluta di don Abbondi -

perché qui
come un folle funambolo camminante su un filo di raso-io

oltre che le ere ci giochiamo in un matrimonio non celebrato le divine sfere

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

"La fantasia è un posto dove ci piove dentro."
Italo Calvino, Lezioni americane...


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/01/2014 22:04
    La voce di un artista capace di versi geniali, incapace di quotidianità banali.
    Grande Vincenzo!
  • Anonimo il 15/01/2014 10:56
    La fantasia è un posto dove ci piovono gocce pesanti di verità. Chi è sa e vive come in una chiesa, finché la chiesa non apre le porte alla verità, facendo della te, o ria, una pratica salassiana in cui ci si gioca sfere, palle e spicchi, nell'attesa di consumare l'impresa del salire verso l'alto, scendendo attaccati alle sfere più basse.
    Bellissima Vincé, questa sommaria esposizione alla gogna della fogna del chi è sa e papparapappà... c'è la pubblicità!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/01/2014 09:44
    Scusami Vincè era una recensione... FELICE E SERENA GIORNATA
  • Anonimo il 15/01/2014 09:21
    Eccellente... una poesia meraviglioso... un saggio prezioso da custodire... complimenti Vincenzo... sei sempre grande.

10 commenti:

  • Alessandro il 15/01/2014 22:02
    Una lezione esistenziale complessa.
  • Anonimo il 15/01/2014 20:24
    Lei ha una fantasia da fotocopiare.
  • Anonimo il 15/01/2014 18:41
    La tua poesia mi piace, ma ammetto di aver dovuto leggerla più volte per cercare di capirla. Sei bravissimo nel costruire i versi in modo originale e con un contenuto che fa pensare.
  • Anonimo il 15/01/2014 17:52
    La tua poesia la interpreto a modo mio... ammetto di aver capito poco... ma piace leggerti! Se è giusta o no l'interpretazione, riesci lo stesso, a farmi volare con la mente!
    Mitico Vincè!
  • loretta margherita citarei il 15/01/2014 16:56
    mi associo al commento di salvatore, mitico cap, giocoliere di parole
  • Anonimo il 15/01/2014 09:57
    Vincenzo, Tu ricevi sempre tanti elogi... Succede quando le persone comuni riconoscono subito coloro che sono fuori dal comune. Ed è il motivo per cui, sentendosi piccolissimi, si dà per scontato che poco o nulla, di tali straordinari personaggi, si possa e debba capire... L'unico dovere che si avverte, è quello appunto di elogiare... elogiare... elogiare. Io ho invece la convinzione che, almeno ai grandi <umani>, il diritto si abbia sempre di dire: se a noi, comuni mortali, <vuoi parlare>, il dovere hai anche di metterti al nostro livello, e qualcosa almeno farci capire. Sempre ti resterà la soddisfazione di menti a te vicine che tutto invece chiaro avranno sempre... e per niente al mondo ti direbbero il contrario!
    Vera
  • Anonimo il 15/01/2014 09:25
    * meravigliosa... scusami Vincenzo... vado di fretta
  • Anonimo il 15/01/2014 08:40
    sei grande vincenzo ci regali mervigliose opere... che fanno pensare...
  • Rocco Michele LETTINI il 15/01/2014 08:22
    Solo dal tuo diligente comporre sempre incantevoli e unici verseggi plasmati in metafore lasciate magistralmente... IL MIO ELOGIO VINCENZO
  • Anonimo il 15/01/2014 07:28
    Un inssieme di saggezze... l'aggiungerei alle mie otto bellezze in cinque righe... questa è la nona bellezza. Bravissimo Vincenzo... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0