PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'io riposto e la candida natura

Un giorno
stanco di schiamazzi
e
di portarmi sempre in giro un metronomo ed un pesante mazzo di chiavi

lasciai cantare
la mia anima
in una libera tromba di scale musicali

scoprendo che l'ascensore
da me tanto cercato
era celato nel ripostiglio

da allora ho smesso di accumulare cianfrusaglie e di contare i miei passi

ponendo la mia candidatura
per trovar un piccolo spazio immobile
in verticale
fra l'aspirapolvere e la lucidatrice

oh gioia
di candida natura
il riconoscersi nel saliscendi di un albero cavo

 

0
3 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 18/01/2014 11:33
    È sempre davvero bello leggerti sai dar "spazio" e voce ala tua anima con vera maestria. Complimenti
  • Giulia Aurora il 18/01/2014 01:25
    Maestro di ritmo personale molto densa chiusa bellissima
  • Anonimo il 17/01/2014 22:03
    Splendito è il tuo verseggiare... incanti ad ogni poesia e ogni volta è piacevole leggerti... Immenso Vincenzo!!!
  • rosaria esposito il 17/01/2014 16:13
    ... e in quel piccol spazio restai... sordo all'ignobile schiamazzo...
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2014 07:40
    L'io riposto, la candida natura e le poetiche note che concertano sì delizioso verseggio...
  • Anonimo il 17/01/2014 07:08
    L'aspirazione di collocare la propria anima nella bellezza della natura, mettendo da parte le piccolezze dell'uomo.
    Splendida poesia!!!

3 commenti:

  • Alessandro il 17/01/2014 22:34
    Metrica volutamente irregolare, la terzina di chiusura è ammirevole.
  • Antonio Garganese il 17/01/2014 08:04
    Un sottile gioco di parole fra oggetti di uso comune ed espressioni trascendenti, il giusto mezzo per far nascere poesia, piaciuta.
  • Anonimo il 17/01/2014 06:32
    Una giusta aspirazione riporre il nostro io, anzi l'ego, e riconoscersi con gioia parte integrante di una candida natura... una poesia che scaturisce dall'anelito di sentirsi armonia col creato nel tentativo di dimenticare le piccole cose della natura umana. bellissima Vincenzo... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0