accedi   |   crea nuovo account

Assoli d'Amore

-Caos
è un ordine supremo

antecedente al fato

non è un gettare una cosa a caso nel vuoto e dirgli vola

sperando nella buona sorte
o
in un colpo di vento

ma
è un far risorgere nell'anima

da offuscata memoria

un sublime sentire -


-Su questa terra
siamo nati schiavi
prigionieri di una cella senza chiavi

già da neonati assillati dalla necessità impellente di trovare un seno materno a portata di bocca

un seno ed una bocca che non hanno mai smesso di crescere nel tempo

di piangere di pulsare di palpitare
di parlare dentro di noi

tramutandosi nel latte di un risucchio dai mille bisogni

mai veramente appagati

perché cresciuti sul ciglio sbagliato della strada

dove non c'è spazio di volare nell'infinito del nostro essere -



-Quell'infinito
che ti divora l'anima
giorno dopo giorno

Amore mio
nessuno può dartelo

devi trovarlo
da solo

12

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Ci vuole il caos dentro di sé per partorire una stella danzante... Nietzsche

Un viaggio da Solo a Solo... Plotino


1
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 21/01/2014 12:13
    Interessante riflessione sul percorso delle nostre vite, dove il caos ed il fato, per me, ci guidano esattamente dove dobbiamo andare... In fondo tutto è perfetto così come è, benché a volte il senso sfugga alla nostra debole ragione, ma non alla nostra anima.
  • Alessandro il 19/01/2014 20:22
    Caos come ordine supremo che ci governa. Quasi un ossimoro ontologico.
  • Anonimo il 19/01/2014 16:08
    un incavo di emozioni pervadono sulla pelle, sensazioni estrapolate da un verseggiare bello quanto unico... Ci si immerge in questi versi come in un bagno di suggestioni... Grande autore... grande poesia... Stupenda Vincenzo!!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2014 10:47
    Assoli d'amore in un concerto di note eterne mirabilmente dirette... che lasciano emozioni indescrivibili di tenerezza...

7 commenti:

  • Anonimo il 20/01/2014 12:50
    Il Caos, la Crisi, ci fa capire che dovremmo mettere ordine soprattutto noi stessi e poi tutto il resto... se ci si adagia nel caos... vivremmo sempre nel caos.
    Vincè, spero di essermi spiegata, io sono un caos in persona!
  • loretta margherita citarei il 19/01/2014 18:11
    anche il caos ha un suo ordine, originalissima
  • Anonimo il 19/01/2014 17:43
    Bellissima lirica con uno stile originale come il contenuto... siamo soli nell'universo e solo in noi possiamo trovare forza nonostante l'amore degli altri.
  • Ettore Vita il 19/01/2014 15:26
    Mi è piaciuta tantissimo, soprattutto nel profondo e condiviso contenuto.
    Nati schiavi, solo facendo leva sulla nostro volere, possiamo cercare... l'infinito.
    Gli altri sono importanti, ci possono essere di aiuto, ma alla fine siamo soli di fronte alle cose importanti...
  • Matteo Contrini il 19/01/2014 13:13
    Alternanza di versi brivi e spezzati, con altri più complessi e altisonanti. è una giustapposizione di rassegnazione verso il destino dell'essere umano e la denuncia per quello che potrebbe essere cambiato e migliorato, perché, citando un tuo verso, si può "far risorgere nell'animada offuscata memoriaun sublime sentire"
  • karen tognini il 19/01/2014 08:48
    Dentro di noi... solo nel nostro io più intimo possiamo trovare concerti di sole e amore.. per quanto si possa esser amati..

    Bellissima Vince.. bravo!
  • Chira il 19/01/2014 08:35
    ... siamo soli a cercare e trovare l'infinito dentro di noi... che strada lunga e faticosa Vincenzo! Bellissima.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0