accedi   |   crea nuovo account

Il giardino

Fanciulla, canta ancora
tra i riccioli del vento,
adombra l'usignolo,
il merlo e il cardellino.
Udendoti mi sento
felice: non fui solo
a eleggere a dimora
del cuore e dello sguardo
la grazia sconfinata
d'un piccolo giardino
e non lo sfarzo urbano,
dove la savia voce
si perde nel miliardo
di grida; quant'è atroce
nella bolgia accecata
vederti da lontano.

 

4
7 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 19/01/2014 16:38
    Bellissima Alessandro... c'è da imparare dal Tuo scrivere...
  • Anonimo il 19/01/2014 15:30
    Davvero bellissima, la trovo scritta sapientemente... Bravissimo!
  • ciro giordano il 19/01/2014 11:25
    le piccole grandi cose della vita, che la fanno bella... la natura maestra contrapposta all'innaturalità del mondo di oggi, che porta soprattutto male... bella
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2014 10:53
    quant'è atroce
    nella bolgia accecata
    vederti da lontano.

    UNA TRISTE CONSIDERAZIONE CHE FA PIANGERE IL CUORE PER CHI SI È RISERVATO IL PIU' DOLCE SENTIMENTO D'AMORE...
  • roberto caterina il 19/01/2014 10:08
    Vedere l'amata lontana tra la folla indistinta e il miracolo d'amore è già saperla trovare... un tema antico rivisitato con grazia...

7 commenti:

  • Anonimo il 20/01/2014 16:19
    È diversa dalle tue solite, ma questa tua mi piace molto, anche scritta così!
    Breve ma significativa. Bravo, fai onore a questo sito!
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 19/01/2014 22:40
    ... anche qui credo che la chiave di lettura sia nella chiusa.
    tutta la parte precedente, personalmente, sembra dedicata alla poesia.
    ma qualsiasi cosa sia rimane un bel testo. bravo!
  • Stefy L. il 19/01/2014 14:29
    Una poesia, certo, con la P maiuscola. Quasi ricorda per tematica e nostalgia, un Leopardi all'esordio. Spero che tu riesca, presto, a farti largo in mezzo alla bolgia, per stringerti al cuore della tua amata.
  • karen tognini il 19/01/2014 13:49
    Sei molto bravo.. la poesia è molto bella... quant'è atroce
    nella bolgia accecata
    vederti da lontano.

  • Anonimo il 19/01/2014 12:43
    molto bella... arriva al lettore bella introspezione sempre bravo
  • Anonimo il 19/01/2014 12:09
    Diversa dalle solite ma bella.
  • augusta il 19/01/2014 10:24
    bravo alessandro è una poesia dolce... 1 beso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0