accedi   |   crea nuovo account

e sono qui

e sono qui
come un ragno solo
a guardare di sfuggita
l’antica storia sui vecchi palazzi
e ad ascoltare
vecchie storie di scoppiati
qui, nella piazza, mentre
il violino di celine piroetta
nella notte scura come vino;
e immagino angoli dove
ti parlerei con gli occhi, dove
ti farei discorsi con le mani,
ma ci son sere così brutte, vedi,
che tanto varrebbe
mettersi a sedere e guardare
la vita in dissolvenza….
e io sono qui
e la luna fottuta sempre in cielo
e ti amo

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara rota il 11/09/2007 15:15
    Carina, anche se avrei evitato quel "fottuto" in fondo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0