PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Occulta

Madida di sorpresa
ammazzo istanti mancanti
e osservo nel mare
incommensurabile stretta
inutile l'ideare
vagheggio e sto muta

non cammina qui il tempo
è il mio punzone agganciato
e se si muove s'ammutolisce
come Lucifero fra le mura d'una Abazia


Già setacciato e smosso
la pena inflitta è ricordo
nel tempo in cui perisce l'ora
io son vitale ma smorzata ed occulta

 

1
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 29/03/2016 17:08
    bellissima... complimenti.
  • Alessandro Moschini il 23/01/2014 09:05
    Molto bella. L'incipit è eccezionale. Bravissima Giulia.
  • Anonimo il 22/01/2014 17:13
    Non posso commentare ciò che può essere smentito. Questo ermetismo mi sballotta tra realtà e fantasia. Proprio come questo mare che si agita e mi agita ma mi lascia estraneo e quasi assente al suo ondeggiare.

3 commenti:

  • Giulia Aurora il 23/01/2014 17:26
    ti ringrazio Alessandro del commento
  • Giulia Aurora il 23/01/2014 02:56
    A volte la vita sorprende in negativo e i sentimenti diventano incongruenze inaspettate
  • Anonimo il 22/01/2014 17:14
    E vatti a leggere il mio messaggio che ti ho inviato in privato!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0