accedi   |   crea nuovo account

Camminando

Camminando, attraversando lo spazio
mi nutro di sensazioni immateriali,
ma molto più reali di qualsiasi struttura,
albergano in me, nella mia percezione,
come le dolci note di una vecchia canzone.
Materializzo il tempo, amico di battaglie,
lo vedo a me davanti, ferma il mio lento andare
perennemente immerso nel guardare
vicoli silenziosi dai muri pensierosi
che trasudano essenze d'esistenze
con forza trasportate nei flussi inarrestabili,
di vagabondi giorni, di notti pellegrine,
di vite sopportate oppure belle,
di tutti i cieli senza troppe stelle

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 21/01/2014 21:32
    Metricamente e concettualmente valida: sensazioni immateriali che ci fanno astrarre, elevare al di sopra del mondo materiale che ci scorre intorno, senza nemmeno sfiorarci. Si viene a contatto con un passato e un futuro collettivi.
  • Caterina Russotti il 21/01/2014 17:53
    Versi che analizzano il proprio Io ed il suo lento cammino esistenziale. Molto bella, complimenti.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0