accedi   |   crea nuovo account

Bianca Giornata

Il vento che sibila
entra nelle tempie,
muove le cime dei pini innevati..
tu fai finta di niente.
Il cane gioca, rincorre la neve poca,
spinta dal vento, poi riposa.
Al mattino splendido il manto,
solo un'impronta: il capriolo affamato
scende di notte e vaga, chissà quanto.
Il pupazzo di neve, re solitario,
scruta imponente temerario l'orizzonte.
Il cane lo guarda, ormai è amico
un padrone così che non muove un dito.
Ora scende la sera, mi prendi per mano
ci lasciamo alle spalle quel quadro montano.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rita il 21/01/2014 21:56
    Fa intendere un tipico scorcio invernale...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0