accedi   |   crea nuovo account

Ho visto un pianeta nero

Ho visto un pianeta nero
l'altra notte (fuori orario)
brancolare su piste
d'intenso gesso affumicato
come il saluto di un moncone.
Si accorciava
e i suoi lamenti periferici
di silice e d'ozono,
presso il centro,
e gli istanti pietrificati,
goccia a goccia,
li vedevo
attorcigliarsi
nel silenzio.
Fiabe di zolla
con atomi e fissioni.
Un muro alle mie spalle
(ma non ridevo) s'alzava.
Assorbivo invece quella fuga
gelida e infetta
con trame di opacità
con cipressi e deviazioni
con segreti di femmina e di maschio,
altari sacrificali
e mescolanza di nodi,
impasti solenni di statue sulla riva,
allineate e fredde
nel loro timore di sabbia impura
prima della marea.

La mia solita vita d'uomo,
un cuore che pulsa
sotto la giacca
e le ore che scivolano giù
dal taschino e dalle unghie
come scappando
da uno sfacelo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessandro il 22/01/2014 23:26
    Suggestiva e originale fin dal titolo: pianeta nero, racchiude una vibrazione di oscurità e mistero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0