accedi   |   crea nuovo account

Pietra d'Aurora

Sol v'è
sol vi è

ripeteva la voce
della materia
come quella di una amata Madre

che
da anni
perseguitava la sua folle mente

mentre con passo celere
percorreva
dai sotterranei al tetto

i corridoi le scalinate gli androni i cortili interni del suo buio castello

con un candelabro acceso
avanzava

-nessun vento passante dalle diroccate finestre
poteva spegnerlo
perché era luce fiamma del vento -

cercando la stanza bianca di una camera nuziale
dove poter coagulare il suo pensiero agitante in una magico cristallo lucente d'aurora

aveva fretta
sentiva sul collo l'alito freddo della notte giungere come la frattura di un'opera nera

il passo del suo io
a forza d'esser e d'aver calpestato
da un andare ed un venire continuo
aveva abbassato

il ponte levatoio
degli andirivieni

Or non c'era
più nessun baluardo di difesa

Or
chiunque poteva entrare

il sono il sogno od il fatal sonno

Or

12

2
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/01/2014 22:25
    Bellissima lirica sempre molto originale e intenso nel tuo verseggiare... Grande Vincenzo!!!
  • Caterina Russotti il 24/01/2014 19:49
    Una vita che scorre nei versi e nella mente del poeta, con un'analisi profonda del suo essere... E che apre le sue braccia per accogliere con serenità quel che la vita gli riserverà ... Un "film"che potrà trovare il suo seguito o il suo finale. Meraviglioso come tutti i tuoi capolavori :bravo
  • Anonimo il 24/01/2014 10:42
    Un maniero che lascia penetrare la passione, l'amore, la luce altalenante del dubbio... Eccellente!
  • agave il 24/01/2014 07:42
    ben scritta, piaciuta molto la prima parte sulla voce della materia-madre folle, bravo
  • Rocco Michele LETTINI il 24/01/2014 07:37
    Una "M" che memorizza il nostro presente fino al all'ultimo battito del nostro terreno vivere: MEMORIA_MORTE: l'or e l'orror dell'ente.
    AGGIUNGEREI UNA TERZA "M" CHE ESALTA IL TUO "MITICO" E UNICO POETAR FELICE GIORNATA

5 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2014 16:06
    bella originale... nei tuoi soliti meravigliosi versi... bella poeta un abbracio
  • Anonimo il 25/01/2014 05:20
    Stupenda poesia come tutte le tue con uno stile che ti contraddistingue.
  • Anonimo il 24/01/2014 17:07
    Mi associo con tutti i commenti di sotto, ovvio!

    Unico e mitico Vincè!
  • loretta margherita citarei il 24/01/2014 10:22
    bel gioco di parole, mitico cap
  • Anonimo il 24/01/2014 08:28
    Vero quel che dice Rocco... ma anche agave... aggiungerei una M di mitico e direi che questa sana follia che domina le tue oniriche poesie ancestrali universali che volano alte con battito d'ali è la firma delle tue opere uniche, surreali ma nella loro follia Reali... ciaociao, Poeta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0