PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Auschwitz

Aspre le mura di mesti tuguri
disegnano sentieri di dolore
sotto una solitudine di cielo.
Attoniti rimbombano i silenzi
tra le docce che bagnano di morte.

Vuota avresti potuto vedermi
in questa scura fanghiglia di strade
che l'aura non eleva in suo perdono,
tra le stanche colonne di martirio
ove non s' ode dolcezza di suono.

Avrei voluto esser polvere
dimenticata nel fluire del tempo.
L'agonia curva sui deserti di luce
inuma qui la voce di Jahvè,
tra le cineree ossa della terra.

Morto è anche Dio nella tenebra
dello straziante fumo dei camini,
di una ferita ancora aperta
che evoca, in lunga scia di sangue,
le orme dei passi falsi dell'uomo.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 25/01/2014 06:29
    Una bellissima poesia che ci ricorda la tragedia più grande del secolo. Lo sterminio umano... Che purtroppo ancora oggi capita anche se in misura minore., in altre nazioni.
    Una dedica bellissima nel giorno della memoria. Brava e complimenti... Grazie

1 commenti:

  • Alessandro il 25/01/2014 16:17
    Passi che purtroppo l'uomo ricalpesta sempre. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0