username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ios

vorrei l'esilio sopra un'isola
fuori dal mondo e dalle rotte,
di li' veder passare le navi in lontananza
e assistere al tramonto del Dio Sole.

vorrei il sorriso di una vecchia donna "kalimera",
vento nei bianchi vicoli,
cani liberi, liberi gli uomini,
semplicita', sincerita'.

vorrei un bicchiere di vino
che mi offre una mane rugosa,
tetti di buganvillea d'estate,
d'inverno mari tempestosi.

vorrei un silenzio ricamato di parole vere,
voci che cantano canzoni antiche e dicono preghiere
e ceri accesi nei giorni tristi
ed un sirtaki danzato sulla piazza quando per tutti e' festa.

vorrei di sera una mano sulla spalla "kalisphera",
racconti di vita vissuta,
guardando intorno il buio della notte,
le stelle uniche luci e le finestre accese.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 01/02/2014 13:37
    una poesia particolare, davvero bella, che ti trascina in un gioco di specchi che riflettono sogni...

2 commenti:

  • Maurizio Patrocinio il 30/01/2014 13:38
    Vorrei un silenzio che mi urlasse parole d'amore ancor mai sentite... mi vedo già in una di quelle isolette incantevoli e... non da solo. Meravigliosa descrizione.
  • Anonimo il 28/01/2014 06:31
    Verissimo... provate tutte queste cose in diverse isolette greche, una più bella dell'altra... una poesia nelle mie corde... in una di queste ho avuto l'incontro con una foca monaca... un magico incontro... devo aver pubblicato il racconto, mi pare... kalimera a te, allora. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0