accedi   |   crea nuovo account

Il fanciullino, la rete, l'amicizia

Troppo prepotente il fanciullino
rotola contro le scale della celebrità,
che negata gli fu fin da quell'età.

Che fastidio quelle stolte
vie aguzze e piene di vento,
che noia scoprire dopo tanto tempo
che il sole sorge sempre dalla parte sbagliata.

Il fanciullino
affatto carino
arriccia il naso
all'odor di nero narciso;
si rotola nel fango,
si esibisce in uno scatenato tango.

Esecrato stupore,
basito sdegno,
di quello pregno, offre il fianco
per lasciarsi pugnalare,
per offrirsi sull'altare
di un'onesta compagnia
che è nulla e corre via.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 28/01/2014 14:54
    accidenti... che brava! Dico davvero... aulica quanto basta e per il resto diretta come piace a me! U're the best zia!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 28/01/2014 10:23
    Cotanta melanconia, tristezza... e diciamo anche rabbia... affiora da questo accurato verseggio... Nulla è tralasciato... Sublime il metaforizzare...

2 commenti:

  • Raffaele Arena il 07/02/2014 21:40
    Poesia ben scritta, dove simbolicamente il fanciullino rappresenta la viglia di grudare contro il grigjorr quitidiano, o cio' che la vita non ci permette come vorremmo forse, tra se e na inutuli viverla. Piaciuta.
  • silvia leuzzi il 29/01/2014 09:33
    Grazie amore un bacio e grazie anche a Rocco che è sempre carino, attento e puntuale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0