username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'eco del mio ultimo no

Quello che da me vuoi tu
io non lo sono più
non guardarmi così,
con quel tuo sguardo duro e sexy
tanto non mi vedi
non vuoi toccarmi,
sfiorarmi,
conoscermi ed esplorarmi
accarezzarmi e baciarmi.

Vuoi solo intubare
i tuoi desideri
in un mio buco a caso
senza parlare.

Una scatola di ricatti
dentro la quale mi vuoi ingabbiare
ma fuori dalla quale
risuona ancora l'eco del mio ultimo no...

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 28/01/2014 21:04
    Ottima la metafora della scatola di ricatti. Versi amari che presentano una situazione dove il rapporto non è più tale, bensì una guerra fredda.
  • Giuseppe Pennella il 28/01/2014 17:13
    Bella ed unica nel suo genere. Piaciuta.

4 commenti:

  • frivolous b. il 01/02/2014 13:35
    bè sulla strofa centrale ci sarebbe molto da dire... ma rischierei di sembrare la classica checca femminista... quindi non mi va di dire, anche perchè sono sicuro che a te non andrebbe di sentire!
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 29/01/2014 17:14
    ehm... è LA STROFA CENTRALE CHE MI FA PENSARE!
    cmq fai bene a dire no... meglio che un sì senza ritorno!!!
  • frivolous b. il 29/01/2014 15:35
    grazie! Mi fanno piacere i commenti sull'originalità... Alessandro anche se può sembrare non è una poesia sulla fine di un rapporto, ma su un ricatto professiosessuale!
  • loretta margherita citarei il 28/01/2014 16:27
    belle metafore, piaciuta, originale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0