PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Marineo

La strada in salita


verso la Rocca


mi perdevo in quei giorni


e il fabbro Giuseppe


batteva e ferrava i cavalli


Le faville salivano in alto


Gli amici gridavano


e io mi nascondevo


lì sulla Rocca


In autunno il mosto


fermentava nelle botti


e il suo profumo


inondava il paese


Dietro i vetri


guardavo la pioggia


e il viver quotidiano


i ricordi non svaniscono mai


e ti ritrovo ancora


nel mio cuore


.. la mia Marineo

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0