PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Finiva Maggio

-Nessuno ha il coraggio!-
piangeva la rosa
la rosa più bella
ma di spine velenose.

-Appassirò senza una carezza!-
continuava con tristezza
tra lacrime e singhiozzi
pazza di dolore.

Quando un angelo di un coro
si fermò in volo
a udir quelle parole
mendicare amore.

Commosso da quel pianto
venne giù dal cielo
e si presentò d'incanto
a quella rosa.

Mosse per carezzarla
e lenirle il dolore
quando una spina
gli punse il cuore.

-Mio Dio, morirai!-
si penò la rosa
offrendo un petalo
alla sua ferita.

-Se la morte è il tuo profumo-
disse l'angelo innamorato
-lascia che io odori
e morirò beato-

Prima che l'angelo morisse
la rosa smise il pianto
e, guardando in alto,
pregò perché appassisse.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro il 01/02/2014 17:31
    Tragicamente bella. Il profumo più dolce è quello della morte.
  • gianni castagneri il 31/01/2014 06:01
    bella metafora. il bisogno di amore, l'amore che all'improvviso arriva, l'amore che se ne va, il desiderio di morire insieme...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0