PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

San Gimignano

- Ricordi il vento
che ti scompigliava i ricci
accompagnato dal sole
per la mano? -
- Certo che mi ricordo.
Lo sento ancora
il vento tra i capelli
mentre seduto sul muretto
con la schiena appoggiata
al muro della chiesa
sereno assaporavo ignaro
dietro agli occhiali scuri
una gioia che sfuggiva dalle mani.
E tu mi sorridevi dolce
intenta a fermare fotogrammi
che non sarebbero tornati.
Non avesti colpa del mio male
che nemmeno io compresi.
Forse è perché
non sono nato in equilibrio
che l'equilibrio in realtà
mi da vertigini.
Senza attenuanti
in un dolore sordo
incassai e mi presi in faccia
la tua giusta rabbia
che cercai di cancellare.
Quel che ricordo bene
è il tuo sorriso
sereno e lieto
scambiato con il mio
mentre tirava vento.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alessandro il 04/02/2014 21:48
    Una personalissima storia incorniciata in un'ambientazione di spessore.
  • Rocco Michele LETTINI il 04/02/2014 20:29
    Una sequela piacevole nel suo amorevole costrutto...
  • Chira il 04/02/2014 19:38
    Gli ultimi cinque versi, il ricordo bello che hai di voi, racchiude spiegando ancor meglio quanto vi siete amati... ci si perde ma l'amore dato resta. Bellissima la cornice di S. Gimignano turrita. Elegante come sempre, sai musicar d'amore.
    Chiara