PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Immenso

Rivolti ad est,
verso il sole nascente
sudati e impauriti scampati alla cupa notte,
ancora con il cuore tremante,
invasi da solari raggi mirando l'Immenso,
aspettare il Prossimo,
conquistare un Gradino di Immenso
quando arriverà il tempo
verso cieli infinitamente quieti
dove l'anima si sgretola in stati di luce
ascoltando la Misericordia.

Sdraiati e confusi,
ci calma la certezza di Tutto
raggi talmente caldi
da spezzare ere glaciali.
Il Chiodo segno lasciato nella carne
Immacolata e pura, ci strappa alla morte.
Non gioco a dadi cento anni per l'immenso,
cerco di avvicinarmi ad un Giudizio benevolo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Fabio Solieri il 03/09/2014 10:01
    Buoni propositi, ma sei supportato dalla volontà

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0