PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lametta.

sta lasciando andar via la linfa vitale
proteggendola dal male
lasciandola andar via pura
impaurito dal morbo della realtà dura

sgorga via l’essere
via dalle vene
via da queste dure ere

scende nel terreno e nell’aria sale
annullando tutto il bene e tutto il male
annullando il rischio di divenir animale

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Federica Vergondi il 01/05/2009 14:46
    Lo sento spesso questo dolore...
  • Aniello Nello De Vivo il 21/09/2007 04:15
    ti ringrazio laura della puntualizzazione; la poesia non è vista dal mio punto di vista ma da quello di un suicida; e nel complesso si riferisce sia al suicidio materiale che a quello che metaforico: anche nella terz'ultimo verso mi riferisco sia ad un movimento materiale che ad una metaforica rinascita. , mi piace giocare con i tanti significati che possono assumere le parole messe insieme.
  • laura cuppone il 16/09/2007 15:41
    mi piace vederla come la liberazione di qualcosa o da qualcosa per "ricominciare"...
    non mi piace pensare al suicidio come soluzione, nemmeno mentale..
    non c'è purezza, nè protezione dal male se si rinuncia...
    ciao L
  • Aniello Nello De Vivo il 15/09/2007 06:03
    ti ringrazio del voto kasuki, sono lusingato.
  • Kasumi Suzumura il 15/09/2007 01:09
    Bella, triste, dolorosa... Mi piace!!! Complimenti voto 9! Kasumi.
  • Aniello Nello De Vivo il 14/09/2007 18:57
    sostanzialmente la poesia si riferisce al suicidio, perciò il titolo lametta, però sono contento che i commenti vadano più avanti. perchè significa che è verp che uno opera, si crea ogni volta che viene letta
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/09/2007 18:14
    Versi che respingono la realtà e sperano in un’altra che solo il poeta ha in se.
  • sara rota il 13/09/2007 14:30
    Strana, particolare, non del mio genere preferito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0