PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Crisalidi intirizzite

Mi racimolo sulle palpebre
come un seme
mentre il giorno si accomiata.

Cespugli di cotone sfilacciato,
nel cielo,
mutevoli e istantanei,
i cirri,
fiocchi insulari
sull'orlo del maestrale,
mi assomigliano,
mi appaiono
come crisalidi intirizzite
che cercano di purificare la loro corsa
nell'azzurro.

 

l'autore Sergio Basciu ha riportato queste note sull'opera

La mia città è spazzata spesso dal maestrale, vento freddo di NordOvest, e sulle nuvole spesso proiettiamo le nostre sensazioni, io ho spesso pensato che sono come quotidiane macchie di Rorschach


0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 09/02/2014 15:12
    Ma che bello immaginare le nuvole come crisalidi intirizzite che corrono nel l'azzurro del cielo. Molto bella complimenti

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 09/02/2014 18:41
    bella poesia complimenti
  • salvo ragonesi il 09/02/2014 15:23
    Si è vero le nuvole nel dissolversi sebra vogliono purificarsi dal loro contenuto. bella. salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0