accedi   |   crea nuovo account

Omerta

Vive tuttora
un corpo in gialle carte.
Madre dispera.

Regola der silenzio
rogne pè conto serve.

 

l'autore Rocco Michele LETTINI ha riportato queste note sull'opera

Stile metrico del tanka. Omertà (Errore nel titolo).


0
2 commenti     9 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

9 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/02/2014 10:50
    Deliziosa lettura davvero. Complimenti vivissimi!
  • Giulia Aurora il 11/02/2014 01:30
    maestro in questo stile rimani unico nell'espressione
  • Anonimo il 10/02/2014 22:33
    Di forte impatto emotivo... quante verità racchiuse... da riflettere e meditare... bellissima!!!
  • Alessandro il 10/02/2014 19:30
    Un corpo in gialle carte, un delitto senza colpevoli. In pochi versi tratteggi un male dei nostri tempi, ovvero le stragi dimenticate, dove i parenti delle vittime non ottengono verità e giustizia.
  • Caterina Russotti il 10/02/2014 17:57
    Un omertà che se tradita... Può pagar caro con la vita. È brutto che ancora oggi esitano queste verità. Bellissimo tanka Rocco
  • Anonimo il 10/02/2014 13:22
    Bravo, Rocco Michele, ogni tanto ci fa assai bene non scrivere solo di sogni ed argomenti rosa, ed affrontare anche gli argomenti più duri... Che sanguinare dovrebbero fare l'anima soprattutto di sensibili poeti. Sensibili come Te... Oltre che bravi in metrica di tanka.
  • loretta margherita citarei il 10/02/2014 11:41
    gran brutto male l'omertà, molto significativa rocco
  • Anonimo il 10/02/2014 09:54
    Un silenzio che spesso equivale a timore, un timore che sa di complicità. Molto eloquente il verseggio del nostro Rocco.
  • Vincenzo Capitanucci il 10/02/2014 07:56
    omertà... una carta gialla... mai invecchiata nel tempo.. apre gialli sul giallo... per questa regola del silenzio... quanti crimini verranno taciuti...

    Buon giorno Michele... Maestro della Metrica... Madre dispera...

2 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 10/02/2014 16:31
    Omertà vissuta come sopravvivenza, da povera gente abbandonata al suo destino...
  • Anonimo il 10/02/2014 08:20
    omertà... non vedo... non sento... non parlo...è la regola che vige tra le varie mafie e per questo molti criminali sono intoccabili e... le madri piangono. Saggio e bravissimo!
    Buona giornata, Rocco!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0