accedi   |   crea nuovo account

L'asino di Nicola

A tutti raccontava
che il ciuco suo volava.

A sentirlo da Nicola,
gli mancava la parola,

un ciuco forte e dritto
da viver senza vitto.

Seguitava a esser lento
incedeva proprio a stento.

Mangiava male e poco
e non reggeva il giogo.

<Anche senza vitto
lavora con profitto>.

Era certo, il buon Nicola
che la cara bestiola

fosse in grado di campare
anche senza mai mangiare.

<Per me quest'asinello
è come un mio fratello.>

Intanto, s'era stanco
lo reggeva col paranco;

ma un giorno sul più bello
lo portarono al macello:

no, giammai per fargli torto,
né convinto ch'era morto.

 

1
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 14/02/2014 10:54
    Il nostro grande Ugone... Che filosofo che sei...
  • Alessandro il 13/02/2014 19:32
    Favola-filastrocca dal sapore classico. Piaciutissima
  • Anonimo il 13/02/2014 11:44
    Pare quasi una filastrocca, questa satirica pubblicazione che, nella musicalità dei versi e per la simpatia del contenuto, si fa leggere volentieri. Messaggio emblematico ben sottolineato con la calzante metafora su "L'ASINO DI NICOLA" . Sinceri complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 13/02/2014 09:20
    IRONICAMENTE PIACIUTO... RIME MAGISTRALMENTE LASCIATE... COME METAFORA DEL CAMMINO UMANO CALZEREBBE, SENZA DISCUSSIONE ALCUNA... IL MIO ELOGIO E LA MIA BUONA GIORNATA...

7 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 25/04/2014 17:19
    Mi ricorda une vecchia storia che mi raccontava mia madre buonanima. Si trattava di un tale monsignore, assai tirchio, che non voleva spendere per alimentare i suoi cavalli e per questo li nutriva solo di acqua. Alla fine le povere bestiole morivano e monsignor Perrella se ne sorprendeva. Voleva dire la storiella che se nulla si dà, nulla si ottiene, se non la brutta fine di chi ci sta vicino.
    Ma forse Ugo voleva dirci molto di più.
    Un caro saluto
    Giuseppe
  • Nicola Lo Conte il 26/02/2014 16:47
    Filastrocca gradevole ed ironica, che mostra la pochezza e la stupidità di un padrone che vale molto meno del suo asino.
  • loretta margherita citarei il 14/02/2014 18:39
    gradevolissimo testo, mitico sei ugo
  • Anonimo il 14/02/2014 18:14
    ugo sei unico... ironica e ben scritta come tutte le tue ti abbraccio con stima
  • Mario Bruno (Ciancia) il 13/02/2014 17:27
    Molto simpatica questa tua
    su l'asino di Nicola
    con la giusta dose d'ironia
    che non guasta mai.
    Letta con molto piacere.
    Complimenti Ugo.
  • Chira il 13/02/2014 15:15
    E si che volava... per la pancia vuota... poverino! Un eroe tenerissimo lo hai fatto diventare con la tua leggerezza e versi musicali.
    Chiara
  • nicoletta spina il 13/02/2014 14:19
    Musicale, ironica e molto simpatica. Rima perfetta e gioviale poesia. Sei sempre grande e sempre fai pensare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0