accedi   |   crea nuovo account

Ubi sunt

Sarà come lo specchio levigato
dell'acqua che s'increspa per un filo
d'aria; così sarà, perché è già stato:
come l'anima nostra trovò asilo

in doglia e carne, in questo luogo strano,
ripartirà nell'attimo in cui giace
inerme il forte, il debole, l'insano,
il saggio. Chi davvero spira in pace?

Che accade prima e dopo? In questo mare
precipitammo come un sassolino;
eppure godo ancora a interrogare
l'impassibile grazia del mattino.

 

2
4 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Andrea Maiello il 01/03/2014 08:22
    Eterni interrogativi in... limpidi versi!
  • Don Pompeo Mongiello il 26/02/2014 13:48
    Saggezza e amore in quartine meravigliose.
  • Giulia Aurora il 17/02/2014 21:02
    sempre incredibile l'uso delle parole il senso profondo dei sui scritti un plauso
  • Anonimo il 16/02/2014 08:47
    Visione poliedrica del saper cogliere aspetti variopinti e multiformi, ovunque la vita ce li schiaffi, dinanzi all'anima. In alcuni passaggi del testo avverto lo sconforto dell'autore nell'aver preso atto dell'inaffidabilità della realtà constatata: del resto, ciò che è mutevole, è sempre poco concreto! Interessante pubblicazione, davvero piaciuta.
  • Anonimo il 14/02/2014 22:41
    Versi originali ed intensi... apprezzata molto bravissimo!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/02/2014 17:18
    Nel dubbioso, se non misterioso "dopo"... resta solamente il grazioso mattino che riempie di nuovo ossigeno... QUARTINE DI RIFLESSIONE SAPIENTEMENTE CORREDATE...
  • Anonimo il 14/02/2014 16:38
    Godi, Alessandro, perchè ne hai motivo. Certo i volti dell'uomo sono tanti, mutevoli nella sua serafica drammaticità.
    Fai riflettere per leggere la realtà come tu la vedi e interpreti.

4 commenti:

  • Rosarita De Martino il 20/03/2014 07:10
    La grandezza dell'uomo sta nel sapersi interrogare circa il mistero della morte. Per chi crede la morte è soltanto una continuazione diversa della vita. Ti auguro di entrare in questa visione. Un saluto poetico. Rosarita
  • luigi deluca il 17/02/2014 05:10
    interessante, complessa e seria, bene!!!
  • Fabio Mancini il 15/02/2014 08:16
    Poesia difficile per tematica, ma ben realizzata. D'altronde l'arte è non ritrarsi davanti alle difficoltà, ma andare avanti là dove altri si fermano. Ciao, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 14/02/2014 18:21
    bella e profonda bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0