accedi   |   crea nuovo account

Marcia quasi funebre

Cu tutte ste facce
che italiane
nun sono,
ca nun cunusciennu
lu patir nuostu
su ca,
ne lo stivale nuostu
e padroni se fannu,
e i nu tuozzu
e panu
altrove
circar devu;
e l'Italia more,
chianu chianu
more
e se ne va,
nisciunu l'accumupagna,
se nun na banda
impietosita
a seppellir
Colei
che la Roma Imperiale
fuit,
ma de novo
se sveglierà,
e affar vostri euro-pani
sarà.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 27/02/2014 15:59
    Mirabile il verseggio... chiara l'osservazione in nota...

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 14/02/2014 19:56
    Le poesie vanno capite ed interpretate al di là dell'autore. Questa ad es. tratta un argomento che sta diventando la piaga non solo dell'Italia ma de mondo intero. Siamo in tanti e questa terra non può più contenerci tutti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0