accedi   |   crea nuovo account

Lascia che io sia la goccia

Lascia che io sia la goccia che dai capelli
scorre sulla tua fronte, scivola fino alle labbra,
scende sul collo, ti accarezza il seno
e sinuosa e lenta raggiunge il ventre.
Tu sei tutta l'acqua del mondo,
ruscello ristoratore,
torrente imprevedibile e tumultuoso,
fiume sacro purificatore,
abisso blu popolato da cefalopodi,
sei la lacrima del mio sconforto
quando ti trasformi in ghiaccio,
il sudore del mio desiderio represso,
il sangue che può dare ossigeno
al mio cuore soffocato,
sei il calice, la coppa, il Graal,
il sorso decisivo
per il mio animo riarso.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Francesca La Torre il 17/02/2014 19:36
    Passione pura descritta in modo veramente poetico. Mi piace molto come scrivi.
  • Anonimo il 16/02/2014 11:23
    Una poesia appassionata, un amore che è acqua che disseta l'animo riarso. Bellissima!
  • stella luce il 16/02/2014 08:58
    tanta passione in questi versi... un amore che è vita e disseta l'essere... davvero bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0