PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Raccolgo gli occhi

Tenacemente a te accanto
la notte
s'è dilatata d'eterno
imperitura l'ho vissuta

Come nei lidi che dipingono
la primavera e i pesci
che mi ha catturato nei sogni
e l'altura, il rilievo
sol tuo su cui ammantarmi
il tuo intimo s'è fatto
impalpabile fiore di pesco
e ogni fronda fecondo frutto
purpureo e pieno
s'appresta così lesta
l'estate del sol leone
nel fermento della levata
e mi accerchiava la bocca
il tuo ansimo
ed io
che raccolgo gli occhi
ho guardato il levar del sole
l'alba ed ogni fendente luminoso
furono i tuoi abbracci ed i tuoi passi
folata e carezza
che s'è espresso in un bacio
libratosi fra i colli sinuosi
ed alla ripresa era già settembre
e ogni anelito, ambizione
era ai mie calzari
fra le lamelle colorata
roca e opaca
d'una volta gelida di dicembre

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 25/02/2014 11:01
    Bella descrizione di un amore, vissuto tenacemente, per goderne ogni frutto.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0