PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Eterno di un luminoso passeggero

Fu
l'attimo a crearci

o fummo noi
a crearci

in un attimo delizioso

Amare
è
fare un bagno

nudi

nelle acque dello stesso fiume

lasciandoci
trasportare
nella corrente

di mille piccole
mani azzurre

fluttuanti

tempestandoci di baci

fino a quando
il sole
degli abbandoni

non avrà
sciolto i nostri visi

nel grembo eterno della notte


E se non fummo eterni

sul palmo aperto delle nostre mani

che mai

fu pugno

c'immortalò
nel per sempre

un cielo di baci

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giuseppe Bellanca il 18/02/2014 15:58
    Ebbene questo è il capitano che conosco, quello che mette il cuore nella penna e nasce la poesia, ricca di intense emozioni corredati da una lirica molto scorrevole che ne abbellisce la lettura.
  • Rocco Michele LETTINI il 18/02/2014 12:35
    Maestria e originalità in un encomiabile verseggio...

3 commenti:

  • Alessandro il 18/02/2014 23:10
    Una rinascita siderale, fuori dal tempo e dallo spazio. In alcuni tratti mi ricorda il finale di Odissea nello spazio.
  • loretta margherita citarei il 18/02/2014 15:27
    splendida poesia d'amore, eccelso sei cap
  • Anonimo il 18/02/2014 15:10
    Splendida lirica. Mi sono piaciuti in particolare i versi... amare è fare un bagno nudi nelle acque di uno stesso fiume lasciandoci trasportare nella corrente di piccole mani azzurre...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0