PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

STASIRA C'È 'NA TOMBOLA NNI CICCIU

(poesia in dialetto siciliano dedicata a Ciccio Mazzola)


Lu ventu di muntagna
‘nfilava li so’ jita ntra li ‘ngagghi
e li pinseri parevanu cristalli

Era Natali
eramu carusi
e lu tempu nni crisceva senza premura
sutta lu roggiu granni di la chiazza

E tu ‘ncimavi l’ultima jurnata
pruvannu e ripruvannu la to’ vita
la vita c’appinnisti nta ‘na negghia
mentri lu scuru
figghiava la to’ stidda

Partisti pi ‘n-america nto celu
e nni lassasti chiusa la putia

Partisti
nta ‘na sira di luna muzzicata
e la chiazza nni parsi
comu gaggia vacanti
senza spinnu di jocu
senza lustru di vita
‘nguttumata nto ‘n-pugnu di vaneddi

Ma stasira ci semu ancora tutti
sutta lu roggiu granni di la chiazza
stasira c’è ‘na tombola nni Cicciu

E tu si’ ancora dda petra di ciumi
dunni lu ventu ‘nfilava li so’ jita
e ogni numiru aveva la so’ smorfia

Ogni tantu satava ‘na linticchia
e Totò si la pigghiava cu li Santi

“Aspetta...
senza curriri...
nisciu ‘u vintitrì?”

E jittavamu li numira nto saccu
aspittannu lu prossimu Natali

La nostra Carusanza di paisi
nni passava accussì
tra celu e terra

12

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • laura cuppone il 13/09/2007 23:31
    il dialetto rende molto di più l'idea.(il mio è simile al tuo...)
    ma anche tradotta è una bellissima poesia...
    vedo che il tempo tormenta anche te, caro Michele...
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0