PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Se avessi saputo.

Ho cavalcato l'onda
e sotto di me il mare.
Se avessi avuto un paio d'ali
mi sarei sentito un re alato:
un albatros sulla terra
che non disdegna il volo in mare aperto.
Nella corrente ch'io dominavo
c'è stato un vuoto improvviso
uno di quei vuoti che ti rubano il sorriso
e ti segnano il volto lasciandoti tanta rabbia e delusione.
Se avessi saputo, non avrei cavalcato quell'onda infame,
me ne sarei stato come un vecchio
a prendere il sole sulla riva,
avrei potuto raccogliere qualsiasi cosa che
il mare restituiva alla battigia
e ne avrei fatto un dono a mio figlio
per i suoi castelli di sabbia.
Adesso sto nelle acque di nessuno,
aspettando che il silenzio ch'ora odo
diventi risveglio per il mio cuor sconfitto.

 

2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 25/02/2014 07:15
    è stupenda Fabio... un Albatros non si acconta dei resti che il mare restituisce alla battigia... relitti per far castelli di sabbia... ma sfida a proprio rischio la tempesta...
    ...
    fra anima e corpo... c'è un non luogo... chiamata la terra di nessuno... dove crescono piante di risveglio... o fiori di morte... lì è essenziale il coreggio della fede... perché tutto sembra perso...
  • Caterina Russotti il 24/02/2014 18:55
    A volte cavalchiamo delle onde così forti senza renderci conto che nemmeno un paio d'ali possono salvarci dai "pericoli". E mentre cavalchiamo... Non ci tendiamo conto di perdere le cose o le persone alle quali teniamo di più... E quando l'onda finisce... Il silenzio ci avvolge... Stupende le metafore e i versi. Complimenti
  • Anonimo il 24/02/2014 10:40
    Il cavalcar le onde della vita che avvolte diventano tampesta
  • Anonimo il 24/02/2014 08:53
    Le parole non bastano a descrivere l'emozione che provo nel leggere i tuoi versi. È la vita che ci spinge a cavalcare onde che non sempre ci fanno vedere la luce.

4 commenti:

  • Anonimo il 24/02/2014 16:38
    Se non avessi cavalcato l'onda, nonostante la delusione, ne avresti avuto sempre il rimpianto. Bellissima poesia suggestiva ed intensa.
  • anna marinelli il 24/02/2014 09:36
    un tema a me caro che tu hai trattato egregiamente...
  • Fabio Mancini il 24/02/2014 07:26
    Grazie, Lory. Ho prontamente corretto. Un bacio gentile e buona giornata! Fabio.
  • loretta margherita citarei il 24/02/2014 06:59
    piccolo refuso, hai dimenticato la v, avuto anzichè auto, molto bella e intensa, ciao fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0