PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mai venuto al mondo

La rimirava
ma non s'accendeva il sentimento
solo fiore carminio, che odorava di buono.


Sul far della fine
dell'estate
niente restava all'orizzonte
di dileguò per magia,
come zufolo d'aria fresca.

Sul balcone
le speranze ed i sogni
son falene di sera
a librarsi al tramonto.

Sfuggite alle dite
che colano odorose d'amore.

in un ara sacra d'abete
la sera stende una scintilla,
è un inno alla volta
in memoria d'un sentimento d'amore
mai venuto al mondo
.

 

0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/02/2014 17:39
    Solo un intenso sogno nato nel cuore... Eloquente nel suo corredo sentimentale...
  • Caterina Russotti il 24/02/2014 16:59
    Un sentimento vissuto nel cuore... Ma mai venuto al mondo... Una pietanza disillusa.
    Quante volte capita!... Davvero bella

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0