accedi   |   crea nuovo account

Consumandomi

Ritorno sui miei passi
fino a ritrovare un muro
sempre uguale
Ci son solo sottili screpolature
impercettibili
dovute al movimento della terra
Come un destino
un'invisibile macigno
opprime la mia vita
qualcosa che è mio
solo mio
da consumare
consumandomi

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • ciro giordano il 16/03/2014 21:47
    grazie augusto
  • augusto villa il 09/03/2014 14:35
    Eh... questi macigni!... che non si vedono... ma si sentono...
    Eccome se si sentono!... Bravo hai reso bene l idea!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0