PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il poema di un universo danzante

Quel viso
quegli occhi stanchi

se tu potessi leggere
nella mia confusa mente

capiresti
che

furono costruiti
eterni

ad arte di sogno

ogni tanto
la notte
come una dea

premurosa
e
leggermente invidiosa

chiude una stanza

ne ruba il verso

perché
nella sua umana semplicità
era
troppo bello

e
troppo fragile

per continuare la danza

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 25/02/2014 06:37
    Bellissima... mi piace molto la musicalità, il ritmo, l'atmosfera di magia, il tutto esposto con l'equilibrata essenzialità che ti distingue e che ammiro... ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 25/02/2014 05:35
    Fantastica Vincè... una sequela che è nostra sorella... una sequela che ci accomuna... una sequela che ci caratterizza...

2 commenti:

  • karen tognini il 25/02/2014 11:02
    Scusa.. mi sono ripetuta... mi è piaciuta molto molto...
  • karen tognini il 25/02/2014 11:01
    Leggerti è poesia.. la tua confusa mente è vera poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0