PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Assenza

Come un viandante cieco
ora va il mio cuore
senza un orizzonte su cui morire,
l'amore stritola l'anima;
potrei sognare mille tramonti
aurore infernali
per scaldare un sogno perduto,
ma il mio cuore si è fatto pietra
e sta sempre là
in ciò che manca,
mai isolato da qualche presenza
vive in compagnia
della tua struggente assenza.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 26/02/2014 17:47
    Non è assenza, se lei vive nei tuoi incorruttibili pensieri.
    Ho letto, rileggendo più volte.

4 commenti:

  • stefano manca il 26/02/2014 18:04
    gianni, anch'io ho pensato a quella rima, ma è uscita così, non l'ho ricercata
    adalgisa, è vero non è assenza ma volevo "calcare" sul fatto che ogni assenza è in realtà presenza, se la si sente ancora come assenza, noi siamo sempre in ciò che ci manca
  • loretta margherita citarei il 26/02/2014 17:04
    BELLA POESIA, A VOLTE è NECESSARIO INDURIRE IL CUORE, QUESTIONE DI SOPRAVVIVENZA
  • gianni castagneri il 26/02/2014 16:20
    bella... pero' avrei evitato la rima "presenza-assenza"
  • Anonimo il 26/02/2014 14:46
    Una non tormentata, ma impeccabile descrizione di un tormento diffuso tra noi umani... posso solo ricordarti che ci si può concentrare sui ricordi felici per superare questi momenti... ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0