PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ommini e donne

Cari maschi de stò sito,
fatece un soriso, prego.
Voi nun v' immagginate
quanta forza ce vò
per esse donna.
E er prezzo da pagà
p'er privileggio
che Dio c' ha dato:
quello de portà ner grembo
'na creatura viva. Ma che scherzi?
"Vabbè - direte voi- er privileggio!...
Ma noi c' avemo l' intelleto acuto.
Semo scienziati, letterati, eroi"
"Eh, no - ve dimo noi - stateve bbòni.
Pe' secoli c' avete rapinato l' istruzione,
ma a poco a poco
se semo messe ar passo.
Semo scienziate, letterate... Eroi, no,
Perché la guera nun ce piace.
Ma che volemo litigà?
No, damose la mano.
Pe' fa un òmo ce vonno tutt'e due:
l' òmo e la donna.
Franca Maria Bagnoli

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Franca Maria Bagnoli il 19/07/2008 12:07
    Grazie, Piccola Cenerentola. Ciao. Franca.
  • F S il 19/07/2008 11:35
    Devo ammettere ke è molto simpatica, e cm donan ti do ragione proprio su tutto!!!
  • Franca Maria Bagnoli il 07/09/2006 14:23
    Non vogliamo sorpassarvi. Vogliamo la parità. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 02/03/2006 13:54
    Io avevo scelto la categoria "Festa della donna"<br />
    Lo staff l' ha inserita in una categoria che non ho scelto io. Ciao. Franca Maria Bagnoli
  • Franca Maria Bagnoli il 02/03/2006 13:22
    Ho scritto questa poesia per la festa della donna. Ho scelto il dialetto perché è una poesia scherzosa. Lo staff si rifiuta di inserirla nella categoria "Festa della donna". Vi sembra giusto?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0