PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fritz

Si vendica la vita
se gli dai troppo valore
lei non ama gli orari
nessun futuro
perchè il futuro non c'è

Interi giorni di emicranie
e poi come un regalo
quei lampi improvvisi
scendevi Fritz
sempre più dentro di te
dove morte e vita
si tenevano per mano

Non posso pensarti
senza commuovermi
quanto dolore
quanti addii in disperse stazioni
tra le nebbie
la tua faccia incredula
il tuo passo stanco

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2014 07:32
    molto bella Ciro...

    scendevi Fritz (come un motore di scacchi... come un brano musicale... come in nome di un uomo qualunque..)
    sempre più dentro di te
    dove morte e vita
    si tenevano per mano...
  • frivolous b. il 01/03/2014 13:51
    mi hai fatto vibrare l'anima... grazie!

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0