username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Futuristica

Razzi assassini di fiocchi funambolici
cosmici, assaggi di istinti paralleli fatui e iperboli
iperbarici claustrofobie d'abbracci magnetici
febbri diluviane invadono impavide linee sottili

Fiori cosparsi su catene gelide
aspettanti il sole che scalda e da vita
in notti di piogge roventi, limpide
e attraenti.. il solo che schioda in un insana ingordigia

Finchè il mio sospiro divenne miele
e il cuore ape al sapor di mate..
questi i miei ansimi ai rantoli di un inverno di chele
questi i miei spasimi come d'ali sbocciate
colte e mai nate
questi i miei sogni vili

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0