accedi   |   crea nuovo account

Tacchi a spillo

Che cosa importa a qualcuno sapere chi sei,
quando uomini come bestie astute
ti lasciano sul ciglio di una strada
ancora agonizzante, senza alcuna pietà?
Ed intanto passi le lunghe notti
tra demoni sempre presenti
sotto l'effetto
di un fottuto farmaco
che t' aiuti a dormire..
Rimanendo sola ,
nel buio
con qualche sogno perso
negli interminabili silenzi,
mentre il male
continua
a salire
a violentare ripetutamente
la tua mente e la tua anima.
La tua rabbia
annodata nella gola
brucia
come lava incandescente.
È talmente dura dimenticare
che più ci provi è più t'uccide,
... eppure di quell'amor avevi creduto.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/03/2014 22:06
    A sofferenze così non si può parlare... Sofferenze così le devi solo amare ed aiutare, in modo competente... Un qualcosa di profondo, lancinante che hai reso in tutta la sua drammaticità.
  • Anonimo il 08/03/2014 16:44
    Il messaggio è fortemente reale e scopre l'inganno di chi crede ad un falso amore.
    Brava, Giulia, un bel testo!

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0