PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ringrazia sempre

Non vivere sempre sotto il Tuo lampione

muoviti in spirito

una piccola luce
è
in grado di offuscare un cielo stellato

Se alla mattina trovi un buon pane in negozio
pensa a chi si è alzato nella notte
per farlo

da dietro le Tue saracinesche
mi dirai
avrà avuto il suo interesse

nessuno fa niente per niente

ma Tu ringrazia lo stesso
sia il contadino per i frutti dell'orto o l'uomo che per Te macella un vitello

Ringrazia
anche chi scrive

bene o male che sia

ha cercato per un attimo di prestarti i suoi occhi

e per far questo
si è sparato

una ruga nella fronte

 

5
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco contardi il 11/03/2014 08:41
    opera che dice tutto già dal titolo, inutile aggiungere altro nella mia recensione, hai spiegato tu Vincenzo, nei tuoi versi, che l'uomo ormai ha perso anche le dolcezze più banali della vita, e deve riprenderle!
  • Anonimo il 11/03/2014 08:20
    Tante volte la mancanza di consapevolezza, dettata dall'essere ripieni di sé, porta a non accorgerci che la nostra esistenza dipende molto più dalle cose invisibili e discrete, che non da quelle enormi e appariscenti.
    Di solito, più si cresce e più si diventa umili. Se ciò non avviene, è segno che non siamo cresciuti, ma siamo precipitati in un buco profondo, dove staremo da soli ad osannare noi stessi.
  • Rocco Michele LETTINI il 11/03/2014 06:33
    Un verseggio che insegna... ad osservare, a riflettere, a meditare... ENCOMIABILE VINCÈ

6 commenti:

  • Anonimo il 11/03/2014 17:45
    Ringraziamo soprattutto madre natura e signora salute.
  • Anonimo il 11/03/2014 15:01
    Viviamo troppo ripiegati su noi stessi e non ci guardiamo intorno per gioire di quello che la vita ci dà ed essere riconoscenti perchè quello che abbiamo è frutto della fatica di altre persone. Una poesia la tua che insegna ad uscire dal nostro egoismo e ad essere più consapevoli del lavoro degli altri che ci rende la vita più facile e più comoda.
  • karen tognini il 11/03/2014 14:19
    Sublime Vincenzo... dolce e giusta riflessione...
    La riconoscenza è visibile agli occhi ed al cuore... chi non la sa vedere è un uomo misero...
    Bravissimo Vincenzo...
  • stefano bonino il 11/03/2014 13:42
    Trovo questa poesia un bell'insegnamento di vita, spesso ci si disinteressa di ciò che fanno gli altri per regalarti bene o male dei momenti che tu sfrutti con la mente o con il tuo fabbisogno quotidiano, di comune c'è che dipendiamo sempre l'uno dall'altro, invece spesso ci si chiude nell'egoismo di chi non ci vede più distante da se stessi e non si considera ciò che altri fanno per noi stessi.
  • loretta margherita citarei il 11/03/2014 08:12
    la riconoscenza è sconosciuta al giorno d'oggi, bravo cap
  • gianni castagneri il 11/03/2014 06:24
    bella anche questa... e poi com'e' vero! diamo tutto per scontato e invece scontato non e'... dovremmo tornare alla sana abitudine di ringraziare sempre, con le parole, con il pensiero, con le preghiere... e non importa a quale Dio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0