PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La diversa destinazione delle cose

Mi sveglio ogni mattina con in testa un progetto
di riempire un foglio di carta, quasi di getto
sapendo già in anticipo l'idea che arriverà
il numero corretto che si incasellerà
il dato non nascosto,
il calcolo più giusto
un colore da associare all'elenco
ma nella mente l'affare è più sbilenco
comincio dal dolorino appena sveglio
che sembra preluda a un nuovo grande sbaglio
prendo fiducia dal mio caffellatte
e tutto passa quando indosso le ciabatte
sono ancora un po' confuso, in precario equilibrio
e la mattina appena nata sa di straordinario
per chi lo vuol capire
se me la so godere
e davanti all'alba e a quel silenzio
non la spreco una parola e resto al suo servizio
di un sole non ancora spuntato
che all'operosità ci ha condannato
dove perdiamo il sentimento al gesto semplice e caro
dirigendoci in quel futile raccogliere denaro
che è di carta che non può esser persa,
come il mio progetto, ma del tutto diversa.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 12/03/2014 21:08
    Antonio con questa ti sei superato davvero. Bella bella musicale ma non un cantilena ma pur sempre una ballata: la ballata del quotidiano preso sul serio con un cuore leggero. Un cuore che ha compreso il vero dell'esistenza... nonostante il dolorino di un piacere da rimandare. Bella bella davvero lo ripeto ahahhahh ciao

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 12/03/2014 18:37
    un bello spaccato di vita, bravo poeta
  • Maddy il 12/03/2014 14:57
    Il percorso di un progetto, con tutti i suoi dettagli.
    Piaciuta
  • Chira il 12/03/2014 11:03
    Tutta la tua semplicità e chiarezza di un vivere quotidiano ricolmo delle cose più vere e importanti, dal mattino appena sveglio e sentito responsabile ma c'è anche quel profumo di caffè e latte dà vigore... è pace!
    Chiara
  • Vincenzo Capitanucci il 12/03/2014 08:48
    sono ancora un po' confuso, in precario equilibrio
    me la mattina appena nata sa di straordinario...

    ...

    sa di questo mio progetto
    ed in questo s'incanala di getto...

    in questo due versi tutto il mistero dell'universo.. come l'osservatore modifica la traiettoria dell'osservato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0