PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

RICORDI

Si dirada la nebbia che mi avvolge
e s'apre d'improvviso il cielo col suo manto azzurro,
torno a ritroso nel tempo in seno ai miei ricordi
come alche marine
che succhiano caute mammelle di roccia.
Mi vedo a otto anni
quando avevo un'amica soltanto
che volevo bene come sorella.
Ricordo ancora come fossi ieri
i suoi capelli neri a boccoli
che le coprivano quell'esili spalle
come schiuma del mare accarezza gli scogli.
Era una bambina orfana
e la sera quando andava a dormire
s'addormentava con due pupazzi vicino:
un orsacchiotto grande suo padre,
una Barbie sua madre,
aveva un segreto:
teneva quei pupazzi sotto il cuscino.
Mi chiedeva spesso:
"come mai le tue poesie son tristi e tu non ridi mai?"
non sapevo mai risponderle.
Da grande sognavo già di sposarla,
le dedicavo poesie
e come per magia il suo caro viso spariva
ed io mi vedevo in un teatro affollato
con tanta gente in piedi ad applaudirmi.
A quindici anni
evitavo i compagni, le feste
e restavo da solo per ore
ad osservare la distesa infinita del mare,
una voce dentro mi ripeteva sempre:
"i sogni non muoiono mai".
Cercavo la libertà
mi chiedevo se nell'universo
esistesse qualcuno simile a me,
immaginavo di volare via per scoprire il mondo
senza ritorno, senza fermarmi
come un'onda senza mai una spiaggia,
ed i miei occhi ragazzini curiosi e attenti
si perdevano in lontananza
laggiù dove si disperdeva il mare oltre l'orizzonte.
Son diventato uomo troppo in fretta
e non riesco più a sognare,
cerco ancora l'arcobaleno d'allora
trovo le inquietudini di adesso.
La speranzosa attesa d'un tempo,
le antiche illusioni,
come oggetto prezioso caduto per terra
e frantumato in mille pezzi,
sono morte e crollate inesorabilmente
nell'amara consapevolezza del nulla che mi circonda.
Ma perchè bisogna dire addio sempre alle cose più belle?
alle delizie che promette ma non concede la vita?
Rassegnati animo mio
le tue domande non conosceranno mai risposte!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • laura cuppone il 16/09/2007 12:14
    sono cresciuta in posti dove gabbiani al mare e gazze in campagna erano protagonisti del ciclo della vita naturale e bellissima di quei luoghi.
    l'urlo e la eco dei gabbiani sono indimenticabili.. come un loro incontro sulla spiaggia deserta d'inverno...
    sarai tu, seguando lui ad essere ispirato a scrivere... le sue ali e la sua scia...
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0