PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Carlo il martello

- Non fu un re di Francia
né un cultore de l'Amor cortese
ma il proprietario di un feudo umano
dove
vige ancor la feudataria legge di una schiavitù a vita

non fu il martello di un giudice a separarli
ma l'assassinio e la morte -

Non c'è bisogno solo di due avvocati
in un divorzio
ma anche di un buon psicologo

non si divide soltanto un patrimonio
ma si taglia il filo che univa o scherniva in una burla atroce due anime

si divorzia dal peggio
e non dal meglio
il peggio disperato è capace di tutto

alcuni
lo vivono come un funerale del loro ego del loro onore della loro gelosia

altri
ahimè
come una tomba

hai me hai me
hai me hai me
hai soltanto me

Dio mio
liberami da questo incubo
che volevi eterno
come se fossi una Tua colomba

una fossa
che era stata scavata giorno dopo giorno
già nel matrimonio

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

... Mamma non si muove, vieni ad aiutarla". Così ha gridato terrorizzato e tra le lacrime uno dei due gemelli telefonando a una zia...


1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/03/2014 06:21
    Hai sottolineato in profondi versi realtà ancora irrisolte...

3 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2014 16:57
    Hai sottolineato con la tua solita bravura una drammatica realtà odierna.
  • Alessandro il 18/03/2014 14:11
    La differenza tra mito e storia. Apprezzatissima.
  • loretta margherita citarei il 18/03/2014 04:26
    verità, hai detto bene, mancano strutture adeguate x chi ha problemi di coppia, bella cap

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0