username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'universo obbedisce all'insicurezza

Negli inverni ho osservato
le persone camminare chinate
sulla propria solitudine,
se la portavano addosso sulla schiena
assieme a sacchi pieni di rancore.
Sembra triste il mondo
se osservato nella sua oscurità,
ma non è forse questo il luogo
in cui prende forma l'uomo?
Ho iniziato un ieri a sorridere
vedendo la gente fuggire via,
andando andando ancora restavano
le loro orme sulla fredda terra.
Frammenti umani, viventi pensanti,
ho pensato di amare la gente sui treni
ascoltando i loro discorsi privati,
guardando i loro gesti insicuri
nelle noie che ogni sguardo hanno influenzato.
Alcuni erano speranzosi,
altri nostalgici degli occhi dei figli,
altri sognavano tra le righe di un quaderno
di arrivare lontano
con la propria sensibilità.
Nelle matite consumate
mille volte abbiamo inciso
i nostri pensieri..
Siamo come piume che volteggiano
alimentate dalle proprie emozioni,
dalle proprie ambizioni.
Lentamente ci posiamo al suolo
quando i nostri sogni schiariti
sembrano abbandonarci,
ma poi tutti riprenderemo il viaggio
nell'aria soffice che respiriamo
tramutandola in vita.
Chiunque mi sia scappato di mano
per sorvolare cieli più alti
ha destato in me nostalgia
senza mai uccidermi d'odio e d'ingiustizia.
In questa Terra di incertezze
avverto pure gli oceani tremare
come noi tremiamo..
Esile e giovane piuma sono io
assieme ai criminali,
agli impostori,
agli ipocriti e mentitori
e non mi sentirò tanto diversa, io,
che guarderò estasiata tra mito e fato
i colli spenti in questa stagione,
sentendo un po' d'amore
per tutto ciò che ho avuto,
che ho,
per le luci che vedo,
per le parole che conosco
ed infondo per ogni cosa
che mai conoscerò.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/03/2014 21:30
    Se c'è una cosa che proprio non fa vivere, è l'abbandonarsi alla tristezza...
  • Caterina Russotti il 19/03/2014 17:19
    Meravigliosi versi... che con occhi vigili osservano l'animo di chi incontrano raccogliendo ogni sfumatura di sentimenti in questo freddo inverno. Davvero brava..

1 commenti:

  • Alessandro il 19/03/2014 23:38
    Siamo tutti parte di un immenso mistero. Una fratellanza inconscia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0