accedi   |   crea nuovo account

Mia quiete del caldo d'estate

Mia quiete del caldo d'estate,
che sempre e tutto m'hai donato,
alla tua prossimità
solo d'una grazia io t'acclamo;

Nell'anima una lenta macchia
mi si è stipata,
latente nei pensieri,
gelata dall'inverno.

Rigida,
algente e glaciale
è l'esistenza.
Non sogno, ne realizzo.

Sia il sogno che il reale è rinchiuso
nei mesi caldi?
Che tu riscalda all'istante
il freddo di paura mio!

Sei la mia speranza, mia quiete del caldo d'estate.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/03/2014 18:49
    Un verseggio mirabilmente eloquente... l'estate che tutto dà... l'unica speranza, l'unica àncora di salvezza... IL MI ENCOMIO FRANCESCO

1 commenti:

  • Alessandro il 23/03/2014 02:17
    Il dualismo tristezza-felicità avvolto da contrapposizioni termiche. Non a caso in estate esplode l'allegria.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0